Stadio della Roma, la Raggi: "Non servirà una nuova conferenza dei servizi per il nuovo progetto"

“Il nuovo accordo - afferma la sindaca - è in fase di studio, prevede una riduzione drastica della cubatura e una rimodulazione di quella esistente. Abbiamo trovato un accordo per cui all'interno di questa conferenza il progetto viene ridotto dal punto di vista delle cubature ma vengono aumentati gli standard di efficienza energetica e qualitativa"

venerdì 10 marzo 2017 alle 09:42

“Non servirà una nuova conferenza dei servizi sullo Stadio della Roma”. E’ quando assicurano quelli del Movimento Cinque Stelle romano. In particolare la sindaca di Roma Virginia Raggi a Radio Radio ha affermato: “Il nuovo accordo, che non è ancora stato formalizzato ma che è in fase di studio, prevede una riduzione drastica della cubatura e una rimodulazione di quella esistente. Attenzione, noi non possiamo andare a modificare completamente il progetto, le impronte a terra possono diminuire, non aumentare.

“Noi abbiamo trovato un accordo per cui all'interno di questa conferenza il progetto viene ridotto dal punto di vista delle cubature ma vengono aumentati gli standard di efficienza energetica e qualitativa. Se noi riusciamo a modificare la delibera esistente nel senso della riduzione, dell'aumento dell'efficientamento energetico, rimanendo all'interno di questa conferenza dei servizi a noi va benissimo. E' evidente che se si tratta di un progetto completamente diverso non si può continuare, lo dice la legge».

 

«Abbiamo smontato  - precisato la Raggi - e rimontato il progetto, rimanendo centrati sul dettato della legge. Ora tutto questo discorso che abbiamo fatto grazie all'ausilio dei tecnici del Comune e della società Eurnova, lo stiamo rifacendo anche con i tecnici della Regione, all'interno della conferenza dei servizi, proprio per riuscire a produrre un nuovo progetto che poi possa vedere l'approvazione in quella sede. Interpellata sull'iter di vincolo della soprintendenza.

 

“La soprintendenza è un organo statale. Io devo prendere atto di quello che c'è. Noi andiamo avanti sul nostro progetto, poi quello che succederà in altre sedi, e che non dipende da noi, dobbiamo accettarlo. O, comunque, sarà Eurnova a muoversi in tal senso”.

 

Infine, un cenno al nuovo stadio della Lazio: “Uno stadio per la Lazio? Ad oggi non abbiamo ricevuto alcuna proposta ha detto la sindaca di Roma se dovesse avviarsi un procedimento serio noi vigileremo affinché il procedimento parta in maniera consona sin dal principio. Valuteremmo dal principio la questione delle opere”.

COMMENTI
Nome
Email
Url
Testo del Commento
LOGIN AREA
NOME UTENTE
PASSWORD
Nuovo Utente  -   Recupera la password

Videogallery
Rapporto Istat 2017: ''La crisi spazza via piccola borghesia e classe operaia''
ROMA, TERZA EDIZIONE DI VENTUREUP
Netcomm Forum 2017: Diennea-MagNews
Jobs act per gli autonomi arrivano maternità e malattia
NA:"Italia, Paese di autonomi. Sono 4,7 milioni,il 21% degli occupati"
Ignazio Corrao (M5S): 'Le piccole-medie imprese dovrebbero essere una priorità'
L'IMPORTANZA DI FACEBOOK PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE
LUTTAZZI LIBERO!
Alessandro Mendini: "L'Italia è ancora il centro del mondo"
Partita iva: 4 miti da sfatare
 
Sondaggi

    Fotogallery