Federconsumatori Lazio: "Il problema delle assicurazioni degli ospedali resta gravissimo"

“Sono due anni che i familiari di Donatella Pellegrino attendono il risarcimento di un milione di euro da parte dell’ospedale Regina Elena. Risarcimento stabilito ma del denaro ancora nessuna traccia, l’assicurazione era scaduta senza essere stata rinnovata e le casse della struttura sono vuote. Spesso gli ospedali non hanno soldi sufficienti per pagare una società terza oppure, peggio, nessuna società vuole assicurare l’ospedale a causa dello stato in cui versa"

martedì 14 marzo 2017 alle 11:18

La Federconsumatori Lazio affronta il problema delle assicurazioni che gli ospedali devono sottoscrivere in caso di cause per loro eventuali errori. Al riguardo in un comunicato stampa afferma che:

“Sono due anni che i familiari di Donatella Pellegrino attendono il risarcimento di un milione di euro da parte dell’ospedale Regina Elena. Risarcimento stabilito, a seguito della morte della donna, da due sentenze del tribunale di Roma. Ma del denaro ancora nessuna traccia, l’assicurazione era scaduta senza essere stata rinnovata e le casse della struttura sono vuote.

“La vicenda, che ha inizio il 21 febbraio 2012, getta un fascio di luce sulla disastrosa situazione economica e assicurativa in cui versano gli ospedali pubblici nella nostra regione.

“La carenza di risorse economiche ed umane, congiuntamente ad una gestione non sempre diligente delle capacità finanziarie hanno comportato negli anni un progressivo allontanamento delle società assicurative dalle strutture pubbliche sanitarie regionali.

“A tal proposito, già nel 2013, Federconsumatori Lazio aveva affrontato la questione, rilevando mediante uno studio approfondito, un pesantissimo problema in merito alle autoassicurazioni delle strutture sanitarie. Dal nostro studio emergeva come troppo spesso questo sia diventato l’unico strumento di garanzia, poiché o l’ospedale non ha soldi sufficienti per pagare una società terza oppure, peggio, nessuna società vuole assicurare l’ospedale a causa dello stato in cui versa!

 

“Nello studio, paradossalmente, veniva confermato come il Lazio era dotato di un sistema informativo di raccolta dati su sinistri e polizze corredato da indicatori per la valutazione dei processi e dei risultati, ma NON ESISTEVANO provvedimenti regionali mirati a regolare i modelli organizzativi dei sistemi di rilevazione dati su sinistri e polizze". Insomma, per usare una metafora, era stato acquistato il carro, ma non i buoi per trainarlo...

“In tutte le aziende ospedaliere intervistate, inoltre, emerse come la prima questione era proprio questa: assenza di un quadro normativo complessivo, oggi sempre più urgente. Il secondo problema concerneva la scarsità di risorse finanziarie ed umane.  

“Sintetizzando, dallo studio condotto nel 2013 emergeva con estrema chiarezza come in caso di danni gravi l’ospedale non era in grado di risarcire le vittime e come l’assenza di una regolazione regionale influisca drasticamente nel determinare un modello assicurativo inefficiente.

Allora portammo all’attenzione delle Autorità regionali la gravità della situazione, senza ricevere alcuna risposta. Oggi rinnoviamo il nostro impegno… Ma cosa è cambiato in questi quattro anni?”. 

COMMENTI
Nome
Email
Url
Testo del Commento
LOGIN AREA
NOME UTENTE
PASSWORD
Nuovo Utente  -   Recupera la password

Videogallery
Rapporto Istat 2017: ''La crisi spazza via piccola borghesia e classe operaia''
ROMA, TERZA EDIZIONE DI VENTUREUP
Netcomm Forum 2017: Diennea-MagNews
Jobs act per gli autonomi arrivano maternità e malattia
NA:"Italia, Paese di autonomi. Sono 4,7 milioni,il 21% degli occupati"
Ignazio Corrao (M5S): 'Le piccole-medie imprese dovrebbero essere una priorità'
L'IMPORTANZA DI FACEBOOK PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE
LUTTAZZI LIBERO!
Alessandro Mendini: "L'Italia è ancora il centro del mondo"
Partita iva: 4 miti da sfatare
 
Sondaggi

    Fotogallery